Etichette per piante fai da te

Finalmente la primavera è arrivata e con essa la voglia di stare all'aperto. Orti, giardini e balconi tornano a popolarsi di nuove piantine e diventa necessario etichettare i vasetti per non dimenticare dove abbiamo seminato le varie specie o semplicemente per il piacere di leggere i nomi delle nostre piante, per questo motivo ho realizzato questo tutorial in cui ti spiego come realizzare delle scritte in fil di ferro da inserire nei vasi. 

In fondo al post troverai anche le idee delle altre componenti del team The Creative Factory per Handmade Springs 2017































OCCORRENTE:
  • Filo di ferro da 0,8 mm di diametro
  • Un foglio
  • Matita
  • Pinze a becco
  • Pinze per tagliare il filo di ferro




PROCEDIMENTO:

  1. Scrivi su un foglio il nome della tua piantina
  2. Taglia con le pinze un pezzo di filo di ferro sufficientemente lungo a realizzare la scritta e due volte lo stelo che la sorregge. Con l'aiuto della pinza a becco realizza la scritta in filo di ferro seguendo l'esempio di quella a matita.
  3. Crea lo stelo che sorreggerà la scritta e riavvolgi verso l'alto il fil di ferro in modo da renderlo più robusto.
  4. Abbellisci la tua etichetta con un fiocchetto e inseriscila nel vaso della tua piantina.




Ora andiamo insieme a vedere cosa ci propongono le mie amiche blogger per questa bella iniziativa:


L'immagine può contenere: sMS



Lettering sagomato per la festa del papà

In questo periodo sono letteralmente sommersa dal lavoro, gli ordini di bomboniere per le cerimonie primaverili sono molti e io mi ritrovo a passare intere giornate alla macchina da cucire, non mi lamento ma ogni tanto sento il bisogno di staccare, ho deciso allora di dedicare almeno mezz'ora al giorno a un'attività che mi rilassi e tra le tante ho scelto il Lettering, l'arte di scrivere e disegnare parole in modo creativo.

Ho iniziato da pochissimo e non sono in grado di insegnare niente a nessuno, quindi prendi questo tutorial che ho preparato per l'iniziativa Handmade Father's Day 2017, organizzata dal team di blogger The Creative Factory, come un'esercitazione che svolgo insieme a te.

Realizzeremo una frase sagomata da utilizzare per creare un biglietto di auguri o un piccolo quadretto.






Bomboniere Laurea

Buongiorno oggi ti mostro le bomboniere che ho realizzato per la laurea di Anna. Si tratta dei profuma biancheria modello Audrey Hepburn ideati tempo fa per l'iniziativa Double Color, sono imbottiti di lavanda essiccata e se vuoi realizzarli anche tu, puoi farlo seguendo il tutorial che trovi QUI.


Vestitino profuma biancheria alla lavanda















I Turtlitt di Teresa

Per l'iniziativa Handmade Carnival 2017 organizzata dal team di blogger The Creative Factory ho pensato di proporti una ricetta alla quale sono molto affezionata. Devi sapere che l'appartamento che ora è abitato dai miei genitori, un tempo era affittato dalla mia famiglia ai turisti che venivano a passare qui al mare le loro vacanze. Erano sempre gli stessi che si alternavano durante i vari mesi dell'anno e nel tempo più che affittuari diventavano veri e propri amici.
Tra le varie famiglie con bambini che venivano c'era una signora di Piacenza, che si chiamava Teresa, era vedova e veniva con la sua migliore amica, aveva uno spirito e una simpatia uniche, ricordo che aveva un seno prosperoso dal quale tirava fuori i soldi per pagare l'affitto. Per Carnevale ogni anno chiedeva a mia mamma di comprare gli ingredienti per prepararmi i Turtlitt ad Sant'Antoni, tortelli golosissimi, tipici di Piacenza. Facendo un po' di ricerche ho scoperto che vengono preparati in diverse occasioni, non soltanto a Carnevale e che nel 2007 hanno ricevuto il marchio De.C.O. ( Denominazione Comunale d'Origine ), ma ogni famiglia ha la propria versione della ricetta, in quasi tutte quelle che ho trovato su internet ci sono le castagne lesse e il Rhum, in quella di Teresa no.
Questa è la sua personalissima versione.




Azione - La mia parola per il 2017





Al passaggio tra l'anno che si conclude e quello nuovo solitamente non amo fare bilanci, sono sempre grata per quello che di positivo mi succede, abbandono al passato le cose negative e mi impegno per migliorare il migliorabile, ma durante tutto l'anno non solo all'inizio e i buoni propositi li evito accuratamente, tanto so già che non li manterrò, ma ho la consapevolezza di aver lasciato scorrere tutto il 2016 ignorando alcune incombenze che invece avrei dovuto affrontare.


Nuvole di sale caldo

Brrr... In tutta la penisola continua a fare molto freddo, l'inverno rigido ci mette a dura prova, causando anche i malanni tipici di stagione, per questo motivo ho pensato di proporti per l'iniziativa del team The Creative Factory: Handmade Winter 2017, un rimedio efficace per alleviare numerosi disturbi di grandi e piccini, già conosciuto in epoca romana e nella tradizione cinese, l'impacco di sale caldo, utile per dolori muscolari, articolari, mestruali e renali, cervicale, torcicollo, mal di schiena, di denti e d'orecchi, reumatismi, sinusiti, raffreddore e tosse.
Affinché il rimedio sia più efficace ti consiglio di usare sale di buona qualità, come quello marino integrale o il sale rosa dell'Himalaya, in quanto essendo naturali e non trattati sono ricchi di minerali che vengono ceduti al nostro organismo insieme al calore.



L'idea è quella di realizzare dei simpatici cuscinetti di cotone a forma di nuvola imbottiti con il sale, da riscaldare in forno e una volta inseriti nella morbida fodera di flanella utilizzarli come impacco.
Se non sai cucire nulla ti vieta di inserire il sale in un semplice sacchetto di cotone e poi di avvolgerlo in in pezzo di stoffa morbida.
Come vedi io ne ho realizzati due, uno più piccolo da utilizzare per disturbi come sinusite, raffreddore, mal di denti e d'orecchi e uno più grande per le zone più ampie del corpo.




OCCORRENTE:
  • Sale grosso 1 Kg
  • Cartamodello nuvole ( scaricabile QUI )
  • Tessuto in puro cotone bianco
  • Flanella 
  • Penna termo evanescente
  • Forbici
  • Spilli
  • Macchina da cucire

PROCEDIMENTO:

Stampare e ritagliare il cartamodello, appuntarlo sul tessuto di cotone messo doppio, tracciarne il contorno con la penna termo evanescente e ritagliare lasciando il margine di cucitura. Ripetere il procedimento con il tessuto di flanella, lasciando il diritto del tessuto all'interno.




Togliere il cartamodello dalle nuvolette in cotone, lasciando gli spilli come in figura e cucire a punto dritto sulla linea tracciata con la penna, lasciando un'apertura per inserire il sale, riempire e cucire l'apertura. Stirare con il ferro tiepido in modo da far sparire le linee tracciate con la penna. Ritagliare il margine in eccedenza, magari con le forbici a zig zag così che non si sfilacci.



Cucire solo la parte superiore delle nuvolette di flanella lasciando aperta tutta la parte inferiore, realizzando un piccolo risvolto, preparare quattro laccetti per nuvoletta e fissarli al risvolto, ribattendo a macchina l'orlino.



Praticare dei tagli perpendicolari alla cucitura nelle curve delle nuvole di flanella e rivoltarle al diritto.
Ora non ti resta che mettere in forno a 60° C i cuscinetti in cotone sino a riscaldarli completamente, inserirli nelle loro morbide foderine e applicarli alla parte dolorante per 15/20 minuti sino a che non si esaurisce il calore.



Il caldo rilasserà i muscoli alleviando subito i dolori e in caso di raffreddori e tosse contribuirà a fluidificare muco e catarro.

Un altro metodo per riscaldare il sale consiste nel metterlo in una padella antiaderente fino a quando non scoppietta e fuma leggermente, poi versarlo nel sacchetto di flanella e applicarlo sulla parte dolorante, in questo caso il sale può essere usato per tre o quattro volte, poi va gettato.

In entrambi i casi fai molta attenzione a non scottarti, se usi il rimedio per i bambini accertati che non sia troppo caldo prima di applicarglielo.

Puoi usare le nuvole calde anche semplicemente per riscaldarti al posto della borsa dell'acqua calda.

Ora andiamo insieme a vedere cosa ci propongono le altre componenti del team per questa iniziativa!

Nessun testo alternativo automatico disponibile.







Matrimonio Invernale

Occupandomi di bomboniere spesso mi trovo a parlare con le mie clienti di temi, idee decorative, allestimenti e organizzazione delle loro cerimonie, ho pensato dunque di creare una nuova rubrica ad esse dedicata, in cui raccoglierò ispirazioni, piccoli consigli e soprattutto immagini, perché non essendo una wedding planner non voglio trattare argomenti dei quali non sono competente, ma semplicemente mostrarti ciò che più mi piace e mi colpisce, lasciandoti qualche suggestione.

Inauguriamo la rubrica con con questo post dedicato ai Matrimoni Invernali. Il 23 dicembre si è sposata una mia cliente e quando mi ha ordinato le bomboniere per questa data ho pensato che la sua fosse una scelta originale, documentandomi un po' ho scoperto che invece sempre più coppie decidono di pronunciare il fatidico "Sì" nei mesi invernali.


Bride + Groom Winter Wedding:
Foto: Joe Crosby / Pinterest