Slide

Etichette per piante fai da te

Finalmente la primavera è arrivata e con essa la voglia di stare all'aperto. Orti, giardini e balconi tornano a popolarsi di nuove piantine e diventa necessario etichettare i vasetti per non dimenticare dove abbiamo seminato le varie specie o semplicemente per il piacere di leggere i nomi delle nostre piante, per questo motivo ho realizzato questo tutorial in cui ti spiego come realizzare delle scritte in fil di ferro da inserire nei vasi. 

In fondo al post troverai anche le idee delle altre componenti del team The Creative Factory per Handmade Springs 2017































OCCORRENTE:
  • Filo di ferro da 0,8 mm di diametro
  • Un foglio
  • Matita
  • Pinze a becco
  • Pinze per tagliare il filo di ferro




PROCEDIMENTO:

  1. Scrivi su un foglio il nome della tua piantina
  2. Taglia con le pinze un pezzo di filo di ferro sufficientemente lungo a realizzare la scritta e due volte lo stelo che la sorregge. Con l'aiuto della pinza a becco realizza la scritta in filo di ferro seguendo l'esempio di quella a matita.
  3. Crea lo stelo che sorreggerà la scritta e riavvolgi verso l'alto il fil di ferro in modo da renderlo più robusto.
  4. Abbellisci la tua etichetta con un fiocchetto e inseriscila nel vaso della tua piantina.




Ora andiamo insieme a vedere cosa ci propongono le mie amiche blogger per questa bella iniziativa:


L'immagine può contenere: sMS



Lettering sagomato per la festa del papà

In questo periodo sono letteralmente sommersa dal lavoro, gli ordini di bomboniere per le cerimonie primaverili sono molti e io mi ritrovo a passare intere giornate alla macchina da cucire, non mi lamento ma ogni tanto sento il bisogno di staccare, ho deciso allora di dedicare almeno mezz'ora al giorno a un'attività che mi rilassi e tra le tante ho scelto il Lettering, l'arte di scrivere e disegnare parole in modo creativo.

Ho iniziato da pochissimo e non sono in grado di insegnare niente a nessuno, quindi prendi questo tutorial che ho preparato per l'iniziativa Handmade Father's Day 2017, organizzata dal team di blogger The Creative Factory, come un'esercitazione che svolgo insieme a te.

Realizzeremo una frase sagomata da utilizzare per creare un biglietto di auguri o un piccolo quadretto.






Bomboniere Laurea

Buongiorno oggi ti mostro le bomboniere che ho realizzato per la laurea di Anna. Si tratta dei profuma biancheria modello Audrey Hepburn ideati tempo fa per l'iniziativa Double Color, sono imbottiti di lavanda essiccata e se vuoi realizzarli anche tu, puoi farlo seguendo il tutorial che trovi QUI.


Vestitino profuma biancheria alla lavanda















I Turtlitt di Teresa

Per l'iniziativa Handmade Carnival 2017 organizzata dal team di blogger The Creative Factory ho pensato di proporti una ricetta alla quale sono molto affezionata. Devi sapere che l'appartamento che ora è abitato dai miei genitori, un tempo era affittato dalla mia famiglia ai turisti che venivano a passare qui al mare le loro vacanze. Erano sempre gli stessi che si alternavano durante i vari mesi dell'anno e nel tempo più che affittuari diventavano veri e propri amici.
Tra le varie famiglie con bambini che venivano c'era una signora di Piacenza, che si chiamava Teresa, era vedova e veniva con la sua migliore amica, aveva uno spirito e una simpatia uniche, ricordo che aveva un seno prosperoso dal quale tirava fuori i soldi per pagare l'affitto. Per Carnevale ogni anno chiedeva a mia mamma di comprare gli ingredienti per prepararmi i Turtlitt ad Sant'Antoni, tortelli golosissimi, tipici di Piacenza. Facendo un po' di ricerche ho scoperto che vengono preparati in diverse occasioni, non soltanto a Carnevale e che nel 2007 hanno ricevuto il marchio De.C.O. ( Denominazione Comunale d'Origine ), ma ogni famiglia ha la propria versione della ricetta, in quasi tutte quelle che ho trovato su internet ci sono le castagne lesse e il Rhum, in quella di Teresa no.
Questa è la sua personalissima versione.




Azione - La mia parola per il 2017





Al passaggio tra l'anno che si conclude e quello nuovo solitamente non amo fare bilanci, sono sempre grata per quello che di positivo mi succede, abbandono al passato le cose negative e mi impegno per migliorare il migliorabile, ma durante tutto l'anno non solo all'inizio e i buoni propositi li evito accuratamente, tanto so già che non li manterrò, ma ho la consapevolezza di aver lasciato scorrere tutto il 2016 ignorando alcune incombenze che invece avrei dovuto affrontare.